• slider
    Le interviste
  • slider
    News
  • slider
    MySalute Zone

Apulian Experiences: l'Isola dei Conigli


Questa settimana per il programma Apulian Experiences Giornale di Puglia abbiamo visitato l'Isola dei Conigli, a Porto Cesareo (Le). Programma a cura di EDOARDO GIACOVAZZO. Montaggio video a cura di DANIELE MARTINI. La mission del progetto Apulian Experiences è la scoperta della Nostra Regione attraverso attività sportive, eventi e nightlife.
#apulianexperiences #edoardogiacovazzo #gdpwebtv

LEGGI →

Apulian Experiences: Monopoli


EDOARDO GIACOVAZZO - La mission del progetto 'Apulian Experiences' è la scoperta della nostra Regione attraverso attività sportive, eventi e nightlife. Questa settimana abbiamo visitato, con le nostre tavole da Sup, la zona di Monopoli. Abbiamo dormito in un BnB bellissimo vista mare nel centro storico vicino al Castello Carlo V (del 1552).


La città di Monopoli offre tanti punti caratteristici che non potete non visitare. Il centro storico è ricco di ristoranti, bar e locali per aperitivi. Una città giovanile e accogliente dove abbiamo passato momenti indimenticabili.

La nostra cena? Siamo stati bene presso il ristorante "La perla Nera" con amici: vi suggeriamo di prenotare e assaggiare le pizze e il pesce, davvero ottimi. La mattina seguente la nostra meta era una sola: montare le tavole e uscire nelle calette del mare di Monopoli area sud. Prima però ci aspettava una magica colazione con ciliegie, pancake proteici e caffè.


Per questo ringraziamo la nostra Gabriella Renna che ha ricaricato le nostre batterie nutrizionali prima dell'allenamento. Dopo aver montato le tavole sulla nostra auto (Team Io, Marco Lincesso e Francesco Stallo), ci siamo avviati verso via Procaccia (lungomare sud della città) trovato parcheggio e super pronti per scendere in acqua.


La costa è ricca di spiaggette, calette e scogli: ideale dunque per una bella escursione. Abbiamo percorso la costa attraverso i vari lidi e le varie calette. In particolare abbiamo visionato il lido Cala Cerasa (famoso per i suoi aperisunset) e il fantastico lido Marzà.
#apulianexperiences #edoardogiacovazzo #gdpwebtv
LEGGI →

Rotary E-Club Millennials, al via 'Safe blood saves lives'


ROMA - "Il Covid-19 ha rivoluzionato stili di vita e abitudini di tutti, ma noi del Rotary E-Club Millennials D2050, non ci siamo mai fermati, anzi da diverse parti di Italia e di Europa continuiamo a credere che insieme, attraverso la cultura della solidarietà e la donazione volontaria, possiamo aiutare il prossimo, garantendo terapie salvavita a tutti coloro che ne hanno necessità, soprattutto in questo particolare periodo di emergenza sanitaria". Lo rende noto in un comunicato il Rotary E-Club Millennials Distretto 2050.

Il club in questi giorni ha avviato il 14 giugno il progetto 'Safe blood saves lives' con donazioni di sangue da parte dei soci a favore della comunità.
LEGGI →

Allerta RASFF e Ministero salute per integratori alimentari pericolosi

(Pixabay)
ROMA - Il Ministero della Salute oggi ha diffuso l'avviso che attraverso il sistema di allerta europeo per alimenti e mangimi, RASFF, è stato comunicato che gli integratori alimentari HYDROXYCUT HARDCORE NEXT GEN e HYDROXYCUT HARDCORE ELITE 110 a marchio MUSCLETECH conterrebbero Yohimbina, sostanza ad attività farmacologicamente attiva, vietata negli integratori alimentari, e che può avere serie ripercussioni sulla salute. Questi integratori  non registrati in Italia risultano venduti attraverso numerosi siti Web. La yohimbina è un alcaloide con effetti stimolanti sul sistema nervoso centrale.

È un bloccante del recettore alfa2-adrenergico, e si caratterizza per una breve durata d'azione. Il composto è anche dotato di effetto antidiuretico e produce un aumento della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa. La molecola presenta una spiccata azione psicoattiva ed è stato riportato che possa determinare risposte alterate del sistema nervoso centrale (SNC), fra cui ansia e reazioni maniacali. Altri effetti che, potrebbero spiegare la sua spiccata psicoattività e alcuni effetti collaterali (sebbene non sia stato ancora del tutto delucidato il ruolo neurobiologico dei seguenti effetti) sono: l' agonismo ai recettori della serotonina 5-HT1d e 5-HT2a e l' antagonismo dei 5-HT1b e 5-HT2b.

In alcuni paesi è venduta dietro prescrizione medica per il trattamento della disfunzione erettile, per il trattamento del ridotto desiderio sessuale (riduzione della libido), ed è anche utilizzata per i suoi presunti effetti afrodisiaci ma non vi sono evidenze scientifiche conclusive che la yohimbina possa realmente giovare. A seconda del dosaggio assunto la yohimbina può comportare anche innalzamento della pressione arteriosa, che spesso si accompagna ad aumento della frequenza cardiaca. Gli eventi avversi a carico del tratto gastrointestinale comprendono nausea e vomito.

Per i suoi effetti eccitatori a carico del SNC la molecola suscita spesso irritabilità, ansia generalizzata, eccitazione, iperattività motoria, reazioni maniacali, allucinazioni, insonnia, tremore e vertigine.E' controindicata in casi di ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti utilizzati nella formulazione farmacologica.

È inoltre controindicata nell'insufficienza epatica e renale. Si tratta del principale alcaloide estratto dalla corteccia della Pausinystalia yohimbe e dalle foglie della Rauwolfia serpentina (nota anche come radice di serpente indiana), che la contengono naturalmente. Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,raccomanda ai consumatori di non acquistare i summenzionati  prodotti e di astenersi dal consumarli.
LEGGI →

Esclusivo: Dr. Anthony Fauci, Coronavirus di nuovo tra noi a ottobre

di BENNY MANOCCHIA – Sono riuscito ad intervistare, per il nostro giornale, il dottor Anthony Fauci, direttore del NIAID (Istituto nazionale per le malattie e allergie infettive). Il dottor Fauci ha assistito sei presidenti prima di Trump, ed e’ conosciuto nel mondo scientifico come uno dei migliori virologi di oggi. Da buon napoletano e’ stato cortese e  simpatico. Mi ha subito detto di chiamarlo Anthony.

Dottor Fauci, siamo giunti alla fine di questa incredibile crisi?

Non ancora, manca un po’, non dobbiamo affrettarci. Occorre continuare a stare distanti con le persone, chiamare il medico se abbiamo un po’ di tosse o di febbre, occorre lavare le mani spesso.

Fino a quando?

Ci si accorge subito quando non si ha piu’ il virus addosso. E poi  ritorneremo alla vita normale di prima. Tuttavia, non posso darti una buona notizia per quanto riguarda il futuro. Vedi, il coronavirus tornera’ fra noi ad ottobre. Su questo sono sicuro, e con me altri esperti di malattie infettive. Il prossimo non dovrebbe essere un virus “cattivo” come quello odierno. E poi saremo preparati, mentalmente e con nuove cure. Non abbiamo ancora un vaccino contro il corona, ma stiamo studiando ed esiste la  possibilita’ che si riesca a scovarne uno, come per l’influenza. E a proposito dell’influenza, sara’ un problema per tutti se i due virus decidessero di viaggiare entrambi sullo stesso binario. Ma non e’ detto che si uniscano in quel periodo dell’anno.

Dottor Fauci, una notizia non  buona…

I virus sono cosi’, ma l’uomo riesce, prima o poi, a controllarlo. Come appunto per l’infleunza e il H1N1.

Il prossimo virus colpira’ gli stessi Stati di oggi?

Non possiamo dirlo, anche se le probabilità che raggiunga i 184 Stati colpiti oggi sono abbastanza alte. E non si annuncera’, come non si annuncio’  con l’Italia, Hong Kong, Iran, Sud Corea. Ripeto, abbiamo acquisito esperienza con il corona, saremo pronti.

Dottor Fauci, avremo mai un mondo senza virus?

Non credo, eppoi…perderei il mio lavoro!

Con un napoletano, si chiude sempre con un bel sorriso.
bennymanocchia3@gmail.com
LEGGI →

Coronavirus: aiuti dal Rotary

di EDOARDO GIACOVAZZO - La pandemia virale ha colpito fortemente la nostra amata Italia, creando una vera e propria emergenza nazionale. Il danno economico è una conseguenza drammatica di questa infezione, che trasporta con il prolungare delle settimane una vera e propri urgenza alimentare. Mentre, però, gli interventi sanitari ed economici possono svolgersi su un arco di tempo che guarda anche al futuro, per la carenza alimentare è indispensabile agire nel qui ed ora.

Sono, infatti, tante le famiglie che vivono in una situazione di povertà, a cui si aggiungono i precari, gli stagionali e i soggetti che a causa del ridimensionamento o del fermo totale delle attività, si ritrovano improvvisamente con un reddito ridotto e con poche tutele. Per molte di queste persone sta diventando difficile anche reperire risorse e beni di prima necessità.

Ecco il motivo per il quale quattro Rotary Club (Millennials, Andria Castelli Svevi, Trani e Barletta), hanno promosso un'iniziativa di solidarietà per aiutare le persone in difficoltà, donando diversi bancali di generi di prima necessità: (latte, pasta, sugo e legumi) consegnati il 10 Aprile 2020 ai volontari nelle tre città. Nella fornitura figurano anche colombe pasquali, nella speranza che possano portare un po' di gioia alle tante famiglie bisognose, in vista delle prossime festività religiose.

L’iniziativa ha anche ottenuto il patrocinio delle municipalità di Trani e Barletta, ma tutto questo non sarebbe stato possibile realizzarlo senza il generoso e sostanziale contributo delle aziende Bell Italia S.r.l., Tatò Paride S.p.a. Coop Master Alleanza 3.0. Ad esse va il sentito ringraziamento dei rotariani tutti.

Da sempre il Rotary agisce sul territorio, individuandone le necessità e ponendovi rimedio. Sarà così anche questa volta, con la realizzazione pratica degli ideali rotariani: amicizia e servizio, che, mai come in questa occasione dimostrano la loro forza.

Tutti assieme, ce la faremo!
#andratuttobene

I Presidenti: 
Giovanni Votta (Rotary Club Millennials)
Pietro Marmo (Rotary Club Andria Castelli Svevi)
Achille Cusani (Rotary Club Trani)
Vincenzo Fruscio (Rotary Club Barletta)
LEGGI →

Pandemic life


di EDOARDO GIACOVAZZO - Il coronavirus ha segnato profondamente le nostre vite in maniera molto rapida silenziando l'intera umanità.

In questi giorni ho ricevuto chiamate e messaggi da amici in tutto il mondo che vivono anche loro nello stesso stato di panico e isolamento.

Un avvenimento globale che porta a riflettere su molti aspetti della nostra umanità e sulla nostra politica. Mai come ora ci sentiamo così uniti e vicini con l' unico scopo di ritornare alla normalità. La domanda è Tornerà tutto come prima? Cosa succederà? Saremo diversi?

I libri di storia ci insegnano che a eventi epocali seguono cambiamenti epocali, dunque differenze importanti nella nostra società. Se prima la nostra vita (in particolare in italia) era fatta di abbracci, contatti, strette di mano e visi scoperti... ora dobbiamo vivere a metri di distanza, mascherine, guanti in lattice e igienizzanti mani

Le nostre vite sono cambiate in poche settimane, anche se inizialmente sembrava l' incipit di un film di fantascienza o una serie tv di Netflix...

In realtà è successo davvero! Una vita pandemica...

Il Coronavirus ha cambiato il nostro modo di vivere sia nelle relazioni interpersonali che lavorative, siamo ora tutti in guerra e in quarantena, con protezioni per difenderci dal virus e da chi ne è infetto.

L' umanità si prepara a una nuova era, a una nuova evoluzione. L' Italia sarà una delle prima nazioni che si rialzerà più forte di prima!
LEGGI →

Carnevale di Putignano 2020

Carnevale di Putignano 2020: Martedì' Grasso 25 febbraio 2020. A cura di EDOARDO GICOVAZZO. Montaggio video a cura di DANIELE MARTINI. #carnevale2020 #putignano #gdpwebtv


LEGGI →

Coronavirus: decalogo e aggiornamenti

Il Coronavirus 2019-nCoV, isolato recentemente in Cina, appartiene a una vasta famiglia di virus che causa varie malattie. Da un semplice raffreddore a patologie più gravi quali: la Sindrome respiratoria mediorientale (Mers) e la Sindrome respiratoria acuta grave (Sars).

Il nuovo coronavirus è un ceppo mai identificato nell’uomo.

SINTOMI In generale i coronavirus causano febbre, tosse, difficoltà respiratoria.

Nei casi più gravi polmonite e sindromi respiratorie gravi. Il nuovo Coronavirus 2019-nCoV presenta sintomi molto simili a quelli della comune influenza.

COME SI TRASMETTE Il Coronavirus 2019-nCoV, come tutti i coronavirus, può essere trasmesso da persona a persona in seguito a contatto stretto con un paziente infetto.


PREVENZIONE Il vaccino per il Coronavirus 2019-nCoV non esiste ancora. L' uso di  mascherine puo' essere una valida difesa, ma senza filtro ffp2 e ffp3 non danno una copertura antivirale.
La terapia tratta i sintomi presentati dal paziente. Le procedure da usare, con particolare scrupolo, sono le consuete norme igienico-sanitarie.
*Lavare bene e spesso le mani, per almeno 40 secondi, con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche *Quando starnutisci o tossisci: - utilizza sempre un fazzoletto di carta o copri naso e bocca con il braccio - getta i fazzoletti usati in un cestino - lava le mani subito dopo
*Evita di mangiare: - carne cruda o poco cotta -frutta o verdura non lavate
*Evita di bere bevande non imbottigliate
*Evita il contatto ravvicinato con chiunque mostri sintomi di malattie respiratorie come tosse o starnuti.


Ora abbiamo realizzato delle domande e risposte che ci aiutano meglio a comprendere il virus e la sua trasmissione.

 1. Che cos'è un coronavirus? I coronavirus sono una vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS).

2. Che cos'è un nuovo coronavirus? Un nuovo coronavirus (CoV) è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente mai identificato nell'uomo.

3. Quali sono i sintomi di una persona infetta da un coronavirus? Dipende dal virus, ma i sintomi più comuni includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, l'infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte.

4. I coronavirus possono essere trasmessi da persona a persona? Sì, alcuni coronavirus possono essere trasmessi da persona a persona, di solito dopo un contatto stretto con un paziente infetto, ad esempio tra familiari o in ambiente sanitario.

5. Esiste un vaccino per un nuovo coronavirus? No, essendo una malattia nuova, ancora non esiste un vaccino e per realizzarne uno i tempi possono essere anche relativamente lunghi.

 6. Esiste un trattamento per un nuovo coronavirus? Non esiste un trattamento specifico per la malattia causata da un nuovo coronavirus. Il trattamento deve essere basato sui sintomi del paziente. La terapia di supporto può essere molto efficace.

7. Cosa posso fare per proteggermi? Le raccomandazioni per ridurre l'esposizione e la trasmissione di una serie di malattie respiratorie comprendono il mantenimento dell'igiene delle mani (lavare spesso le mani con acqua e sapone o con soluzioni alcoliche) e delle vie respiratorie (starnutire o tossire in un fazzoletto o con il gomito flesso, gettare i fazzoletti utilizzati in un cestino chiuso immediatamente dopo l'uso e lavare le mani), pratiche alimentari sicure (evitare carne cruda o poco cotta, frutta o verdura non lavate e le bevande non imbottigliate) ed evitare il contatto ravvicinato, quando possibile, con chiunque mostri sintomi di malattie respiratorie come tosse e starnuti.

8. Come si contrae questo coronavirus? La trasmissione da uomo a uomo è stata confermata, ma sono necessarie ulteriori informazioni per valutare la portata di questa modalità di trasmissione . La fonte dell'infezione non è nota e potrebbe essere ancora attiva.

 9. Che fare se si è soggiornato in un ospedale in cui è stata ricoverata una persona malata? Il rischio di trasmissione esiste solo se si è stati in stretto e prolungato contatto con il paziente. I malati affetti da infezione da nuovo Coronavirus, inoltre, vengono ricoverati in ambienti separati dagli altri degenti. Sinora non è stata segnalata alcuna infezione da nuovo coronavirus contratta in ospedale o altra struttura sanitaria.

 10. Quale dispositivo di monitoraggio è stato introdotto per questo virus a livello nazionale? In Italia, è attiva una rete di sorveglianza delle gravi infezioni respiratorie acute (SARI) e delle sindromi da distress respiratorio acuto (ARDS). La situazione è costantemente monitorata dal Ministero, che è in continuo contatto con l’OMS e l’ECDC, e pubblica tempestivamente ogni nuovo aggiornamento sul suo Portale.

11. Dove posso trovare altre informazioni sul nuovo Coronavirus?
Il Ministero della Salute ha realizzato un sito dedicato: www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

Ulteriori aggiornamenti verranno pubblicati sul nostro sito. Sul sito della Farnesina trovate anche le aeree più a rischio per l' epidemia Coronavirus. www.viaggiaresicuri.it
LEGGI →

Coronavirus: tutte le risposte ai dubbi più frequenti

(Getty)
Ecco le risposte dell'Istituto Superiore di Sanità ai dubbi più frequenti su esposizione, prevenzione e trasmissione del Coronavirus.

Se prendo gli antivirali prevengo l’infezione?

No, allo stato attuale non ci sono evidenze scientifiche che l’uso dei farmaci antivirali prevenga l’infezione da Coronavirus o da altri tipi di infezioni virali.

Se sono stato in metropolitana con una persona che tossiva e nei giorni seguenti compare la tosse anche a me devo andare in ospedale?

No, ad oggi non vi è alcuna evidenza scientifica che il nuovo Coronavirus stia circolando in Italia. E’ invece certo che si è in una fase di massima trasmissione del virus influenzale stagionale. Pertanto, se dovessero comparire sintomi respiratori – come febbre, tosse, mal di gola, ecc. – o, comunque, difficoltà respiratorie, è opportuno rivolgersi al proprio medico curante.

Come faccio a sapere se la mia tosse è dovuta a un’infreddatura o al nuovo Coronavirus?

Al momento, secondo le evidenze scientifiche disponibili, il nuovo Coronavirus non circola in Italia.
Le uniche condizioni di rischio legate alla possibilità di aver contratto l’infezione sono:

aver viaggiato negli ultimi 14 giorni in zone della Cina in cui il virus si sta diffondendo
avere avuto contatti con persone con infezione accertata

In ogni caso, qualora dovessero comparire febbre o disturbi respiratori, considerato che in questo momento si è nel periodo di massima circolazione dell’influenza stagionale, è opportuno rivolgersi al medico curante

Se mi sottopongo privatamente ad analisi del sangue, o di altri campioni biologici, posso sapere se ho contratto il nuovo Coronavirus?

No. Non esistono al momento kit commerciali per confermare la diagnosi di infezione da nuovo Coronavirus. La diagnosi deve essere eseguita nei Laboratori di riferimento e, laddove si rilevino delle positività al virus, deve essere confermata dall’Istituto Superiore di Sanità. Qualora si sia stati esposti a fattori di rischio – quali viaggi nelle zone della Cina in cui il virus sta circolando o contatti con persone in cui l’infezione sia stata accertata – è possibile contattare il numero telefonico 1500, messo a disposizione dei cittadini dal Ministero della Salute, per avere risposte da medici specificamente preparati e ricevere indicazioni su come comportarsi. Tuttavia per le persone senza sintomi di una certa gravità e senza fattori di rischio al momento non è previsto iniziare un iter diagnostico

E’ vero che posso essere contagiato dal coronavirus toccando le maniglie degli autobus?

Allo stato attuale, non essendoci evidenze scientifiche della circolazione del virus in Italia, è altamente improbabile che possa verificarsi un contagio da nuovo Coronavirus attraverso le maniglie degli autobus o della metropolitana. E’ comunque buona norma, per prevenire tutte le infezioni respiratorie, lavarsi frequentemente e accuratamente le mani prima di portarle al viso, agli occhi e alla bocca.

L’infezione da coronavirus causa sempre una polmonite grave?

No, l’infezione da nuovo Coronavirus può causare uno spettro di sintomi che spaziano da disturbi lievi, tipici delle normali infezioni respiratorie stagionali, a infezioni più gravi come le polmoniti. E’ opportuno precisare, in ogni caso, che poiché i dati in nostro possesso provengono principalmente da studi su casi ospedalizzati, e pertanto più gravi, è possibile che sia sovrastimata la gravità dell’infezione.

Se ho sintomi respiratori e penso di poter essere stato contagiato dal nuovo Coronavirus, devo chiamare il 118 per andare in ospedale o andare dal mio medico curante?

Se si è stati esposti a fattori di rischio, come aver viaggiato nelle zone della Cina in cui il nuovo Coronavirus sta circolando o si è stati a contatto con persone risultate infette, per prima cosa è opportuno contattare il numero telefonico 1500, messo a disposizione dei cittadini dal Ministero della Salute, per avere indicazioni sui comportamenti da seguire.
LEGGI →

Editoriale

Pandemic life

di EDOARDO GIACOVAZZO - Il coronavirus ha segnato profondamente le nostre vite in maniera molto rapida silenziando l'intera umanità...