• slider
    Le interviste
  • slider
    News
  • slider
    MySalute Zone

"WE LOVE THE SEA UN PROGETTO" FIRMATO ROTARACT

Un progetto incredibile vi aspetta questa domenica 15 Settembre 2019 “We Love The Sea”...

tutti armati di guanti e buona volontà, come sempre è questo lo slogan promosso, ancora una volta, dai ragazzi del Rotaract Club Bari Agorà che continuano il loro progetto iniziato nel 2012.

Ma questa volta gli agorini hanno fatto molto di più coinvolgendo nel loro progetto tutti i Club Rotaract e Interact del Mondo ed, infatti, il Bari Agorà si è messo subito a lavoro il 31 marzo scorso per la realizzazione del service mondiale con il suo Presidente Paolo Iannone unitamente a tutta la commissione di Club “We Love The Sea” formata da soci e volontari dell’associazione: Douglas Rambukwella, Fabio Santomauro, Alessia Dalla Serra, Federico Mastroleo, Domenico Posa, Gianfranco Sifanno, Antonella Ventura, Riccardo Perini, Davide Cardilli, Alessia Cafforio e Ruben Sica.

Dopo il successo delle precedenti edizioni, si rinnova l'appuntamento per la pulizia della spiaggia di "Il Rotaract Club Bari Agorà invita tutti a partecipare al World Cleanup Day!

La vostra partecipazione è davvero importante... il nostro bellissimo litorale Pugliese deve essere difeso e protetto.

Ci vediamo Domenica in Spiaggia! 
LEGGI →

GLUTAMMINA: ANTIFATICA E IMMUNOSTIMOLANTE


La glutammina è un amminoacido essenziale ampiamente utilizzato nella nutrizione sportiva, soprattutto per il suo ruolo immunomodulatore. La glutammina ha un ruolo fisiologico fondamentale, svolge infatti diverse  funzioni biologiche, come la proliferazione cellulare, la produzione di energia, la glicogenesi, il tampone dell'ammoniaca, il mantenimento dell'equilibrio acido-base ecc. ecc.. 

Questo aminoacido viene utilizzato ampiamente nella nutrizione sportiva per i suoi principali effetti sul sistema immunitario, anti catabolico e defaticante. Considerando che il potenziale ergogenico di questo amminoacido non è ancora del tutto noto, alcuni studi attraverso la letteratura hanno osservato  molte sue funzioni e attività specifiche. La maggior parte degli studi ha osservato che l'integrazione di glutammina ha migliorato alcuni marcatori di fatica, come una maggiore sintesi di glicogeno e una ridotta accumulazione di ammoniaca, ma questo intervento non ha migliorato le prestazioni fisiche. 

Pertanto, nonostante il miglioramento di alcuni parametri di affaticamento, l'integrazione di glutammina sembra avere effetti limitati sulle prestazioni.

[1] Total protein, glutamine, glutamate, and leucine (g/100g food) content in some animal and vegetable foods using the gene sequencing method

La carne contiene una maggior quantità di glutammina , rispetto ad altri alimenti come il latte e il riso. L’ uovo invece ne contiene appena 0,6 gr / 100 gr , circa la metà della nostra amata bistecca. 

L'affaticamento  ha molteplici cause ed è definito come l'incapacità di mantenere la potenza e la resistenza, con conseguente compromissione delle prestazioni fisiche e mentali. Ci possono essere cambiamenti biochimici all'interno della cellula muscolare scheletrica o centrale, comprendente disturbi del sistema nervoso centrale (SNC) che limitano le prestazioni [2]

Le principali cause di affaticamento sono:

A accumulo di protoni nella cellula muscolare, riducendo il pH e influenzando l'attività degli enzimi, come la fosfofructochinasi,
B  l'esaurimento delle fonti di energia (ad es. Fosfocreatina e glicogeno) per la continuità di l'esercizio,
C l'accumulo di ammoniaca (metabolita tossico) nel sangue e nei tessuti.
D stress ossidativo.
E danno muscolare.
F cambiamenti nella sintesi dei neurotrasmettitori, come  l'aumento della serotonina e la diminuzione della dopamina , che può causare uno stato di stanchezza, sonno e letargia durante esercizi prolungati.
G l’over training , il sovrallanemento è una causa molto diffusa tra gli sportivi.[3]

L'affaticamento , Indipendentemente dall'origine (periferica o centrale è un fenomeno complesso), puo’  essere indentificato, analizzato e risolto. Alcune cause di affaticamento non sono completamente chiarite in letteratura, come la relazione tra aumento della sintesi di serotonina e riduzione delle prestazioni [3,4].

Effetti della Glutammina?


Gli effetti dell'infusione di glutammina dopo un esercizio esaustivo (ciclismo al 70-140% della VO2max per 90 minuti) sono stati testati per la prima volta nel 1995. Tre gruppi di individui sono stati sottoposti a esercizio e infusione (30 minuti dopo aver completato l'esercizio) di (i ) glutammina, (ii) alanina e glicina o (iii) salina.

 Le concentrazioni muscolari di glutammina sono aumentate durante l'infusione di glutammina, ridotte durante l'infusione di alanina e glicina e sono rimaste costanti durante l'infusione di soluzione salina. Due ore dopo l'esercizio, il contenuto di glicogeno muscolare era più elevato nei soggetti trattati con glutammina rispetto ad altri gruppi. Questo studio ha suggerito che la glutammina ha effetti sulla sintesi del glicogeno al di là del suo ruolo gluconeogenico, poiché l'alanina e la glicina, nonostante forniscano glucosio attraverso la gluconeogenesi, non hanno influenzato il glicogeno muscolare [8]. 

In una review della 2001, è stato osservato un aumento significativo delle concentrazioni muscolari degli intermedi del ciclo di Krebs, come citrato, malato, fumarato e succinato, all'inizio dell'esercizio (esercizio in bicicletta al 70% della VO2max) dopo glutammina acuta integrazione, se confrontato con la somministrazione di ornitina α-chetoglutarato o placebo. Tuttavia, l'integrazione di glutammina non ha influenzato l'entità della deplezione di fosfocreatina, l'accumulo di lattato o il tempo di resistenza, suggerendo che la concentrazione muscolare degli intermedi del ciclo di Krebs non limitava la produzione di energia e le prestazioni fisiche [5].

L’ integrazione di glutammina sembra aumentare la sintesi di glicogeno muscolare e ridurre l'accumulo di ammoniaca indotta dall'esercizio fisico, specialmente se somministrata per periodi a lungo termine (più di 5 giorni consecutivi). Sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire un maggiore effetto della glutammina sulla sintesi del glicogeno, rispetto agli integratori contenenti carboidrati o creatina monoidrato. La supplementazione di glutammina sembra attenuare i marker di danno muscolare, come i livelli ematici di CK e LDH. 

Queste proprietà della glutammina sopra menzionate sono ottime per gli sportivi ed  atleti che praticano esercizi estensivi e prolungati. Nonostante il miglioramento di alcuni marker di affaticamento, l'integrazione di glutammina sembra avere effetti limitati sulle prestazioni fisiche. Gli integratori contenenti glutammina associati a numerosi altri nutrienti sembrano mostrare effetti ergogenici;  tuttavia, non è certo se sia realmente la glutammina ha dare tale effetto.

L' integrazione di L-alanil-L-glutammina potrebbe essere utilizzata come alternativa per aumentare la disponibilità di glutammina. Inoltre, grazie alla sua elevata stabilità, questo dipeptide è un'opzione adatta per essere incluso nei prodotti commerciali.
E’ assolutamente necessario approfondire quest’ ultimo affetto del peptide con ulteriori studi e reviews.[6]


Glutammina e sistema immunitario?


Le cellule immunitarie dipendono in gran parte dalla disponibilità di glutammina per sopravvivere, proliferare e funzionare e infine difendere il nostro corpo dai patogeni.

In salute e malattia, la quantità di consumo di glutammina da parte delle cellule immunitarie è simile o maggiore del glucosio. Ad esempio, studi in vitro e in vivo hanno determinato che la glutammina è un nutriente essenziale per la proliferazione dei linfociti e la produzione di citochine, le attività fagocitiche dei macrofagi più le attività di secrezione e l'uccisione batterica dei neutrofili.
Il rilascio di glutammina nella circolazione e la disponibilità è controllata principalmente dai principali organi metabolici, come l'intestino, il fegato e i muscoli scheletrici. 

Durante situazioni cataboliche / ipercataboliche la glutammina può diventare essenziale per la funzione metabolica, la sua concentrazione può variare in caso di disfunzioni o patologie. Per questo motivo, la glutammina è parte integrante dei protocolli di integrazione nutrizionale clinica e / o raccomandata per le persone immunodepresse.

Sebbene gli effetti benefici a base immunitaria della supplementazione di glutammina siano già stati stabiliti, rimangono ancora molte domande e prove per esiti positivi in ​​vivo.

Durante circostanze cataboliche / ipercataboliche, la domanda di glutammina aumenta notevolmente, un fatto che può portare a una deprivazione di glutammina e una grave compromissione della funzione immunitaria. In tutti i pazienti catabolici / malati o in condizioni critiche non si è osservato una deplezione di tale sostanza, quindi l’ integrazione di quest’ amminoacidi non è obbligatoria. Svolge però un importante ruolo anti-catabolico che potrebbe migliorare la condizione muscolo scheletrica.

È importante considerare che, come la glicemia, la glutammina plasmatica e il flusso metabolico inter-tessuto vengono mantenuti a livelli costanti anche durante l'elevato catabolismo da parte di organi chiave, quali intestino, fegato e muscoli scheletrici.

Per alcune situazioni infatti  cataboliche e / o in cui vi è una carenza di glutammina ottenuta dalla dieta, potrebbe essere necessaria l'integrazione di aminoacidi.

A questo proposito, le proprietà immunitarie della supplementazione di glutammina sono state ampiamente studiate e sono state formulate nuove domande e prospettive. E’ fondamentale approfondire  gli studi per determinare la frequenza dell'intervento nutrizionale, le dosi ottimali associate alla malattia o la situazione di stress e la somministrazione concomitante con altri aminoacidi o combinazioni di dipeptidi.[7]

Essere in forma: è un impegno... è un dovere.


 References:

[1]Evaluation of a novel food composition database that includes glutamine and other amino acids derived from gene sequencing data.
Lenders CM, Liu S, Wilmore DW, Sampson L, Dougherty LW, Spiegelman D, Willett WC
Eur J Clin Nutr. 2009 Dec; 63(12):1433-9.
[2]. Finsterer J. Biomarkers of peripheral muscle fatigue during exercise. BMC Musculoskelet. Disord. 2012;13:218. doi: 10.1186/1471-2474-13-218.
[3]Coqueiro A., Raizel R., Bonvini A., Hypólito T., Godois A., Pereira J., Garcia A., Lara R., Rogero M., Tirapegui J. Effects of glutamine and alanine supplementation on central fatigue markers in rats submitted to resistance training. Nutrients. 2018;10:119. doi: 10.3390/nu10020119.
[4]Finsterer J. Biomarkers of peripheral muscle fatigue during exercise. BMC Musculoskelet. Disord. 2012;13:218. doi: 10.1186/1471-2474-13-218.  E Coqueiro A., Raizel R., Bonvini A., Hypólito T., Godois A., Pereira J., Garcia A., Lara R., Rogero M., Tirapegui J. Effects of glutamine and alanine 
[5] Review Interaction between glutamine availability and metabolism of glycogen, tricarboxylic acid cycle intermediates and glutathione.
[6]Nutrients. 2019 Apr; 11(4): 863. Published online 2019 Apr 17. Glutamine as an Anti-Fatigue Amino Acid in Sports Nutrition Audrey Yule Coqueiro,1,* Marcelo Macedo Rogero,2,3 and Julio Tirapegui1
[7] Glutamine: Metabolism and Immune Function, Supplementation and Clinical TranslationVinicius Cruzat at All. Nutrients. 2018 Nov; 10(11): 1564.Published online 2018 Oct 23. 
[8]Varnier M., Leese G., Thompson J., Rennie M. Stimulatory effect of glutamine on glycogen accumulation in human skeletal muscle. Am. J. Physiol. 1995;269:E309–E315. doi: 10.1152/ajpendo.1995.269.2.E309.
LEGGI →

ECCELLENZA CHIRURGICA: 53ENNE SALVATO CON LA TECNICA DELL' OSTEOSINTESI STERNO-COSTALE CON PLACCHE IN TITANIO


La professionalità, il coraggio e la passione sono state una dimostrazione di quest' intervento chirurgico.

All'alba dello scorso 11 agosto, lungo la strada Provinciale 580 che da Ginosa conduce a Laterza, due autoveicoli furono coinvolti in un drammatico incidente frontale, avvenuto nei pressi del centro abitato di Ginosa.

Uno dei due conducenti, un uomo di 53 anni, fu trasportato d'urgenza presso il Pronto soccorso del "SS. Annunziata" di Taranto, dove gli venne riscontrato un importante trauma toracico con fratture sterno-costali bilaterali, compressione cardiaca ed insufficienza respiratoria grave.

Le condizioni dell' uomo, immediatamente sottoposto alle prime indagini diagnostiche ed alle manovre di rianimazione cardio-respiratoria, andavano però peggiorando. 




Il dott. Rocco Leggieri, dirigente Chirurgo dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Generale e Toracica dell’Ospedale “Ss. Annunziata” di Taranto (diretta dal Prof. Iarussi) e la sua equipe, coadiuvato dal team anestesiologico guidato dal dott. Spartaco Lorea, ha sottoposto il paziente ormai in gravissime condizioni cliniche, ad intervento chirurgico d’urgenza di “Osteosintesi sterno-costale con impianto di placche in titanio”, ovvero la parete toracica veniva ricostruita da entrambi i lati con l’ausilio di protesi in titanio, metallo leggero e compatibile con risonanza magnetica e metal detector. 

Un intervento chirurgico di particolare delicatezza e difficoltà che ha reso possibile il ripristino della normale dinamica respiratoria.

L’insufficienza respiratoria si è risolta immediatamente al risveglio del paziente, il quale è stato dimesso dopo 4 giorni in respiro spontaneo.

Interventi chirurgici di elevata complessità vengono quotidianamente eseguiti nell’ Ospedale “Ss. Annunziata” di Taranto, realtà sanitaria di riferimento non solo regionale ma soprattutto extraregionale, trattando anche pazienti derivanti da Basilicata e Calabria.

LEGGI →

UN PIENO DI MUSICA E ARTISTI IN VALLE D' ITRIA - MASSERIA MAVUGLIOLA & LOCUS FESTIVAL


Mercoledì 7 agosto 2019 un tornado di musica si è scatenato a Locorotondo, con la presenza di tanti artisti nazionali e internazionali. Vari generi musicali hanno inondato lo stadio comunale di Locorotondo e Masseria la Mavùgliola.


Ecco l' intervista esclusiva del Giornale di Puglia con Frankie Hi-Nrg Mc. 



Alle h 21,00 circa è inizato ll concerto del locus festival di Ms. Lauryn Hill ed è stato un vero boom, uno dei momenti più intensi della sua storia. In 4000 hanno assistito ad una performance che ha riconfermato la regina MLH sul trono mondiale della soul music moderna.

Bellissimo anche il passaggio di cultura e amore musicale fra generazioni e stili diversi rappresentato dal concerto di Mahmood, che ha fortemente voluto aprire questo evento.


Mentre a partire dalle 22:30 la Masseria la Mavùgliola ha ospitato un dj set esclusivo di Frankie Hi-Nrg Mc, che sarà preceduto dalle selezioni di Dj Puppet, il live set dei MIDIHANDS.

In chiusura un classic revival con Dj Madkid & Moddi MC

L' artista italiano Frankie Hi-Nrg Mc, icona rap anni '90, ha scaldato con il suo dj set la Valle d' Itria con una performance musicale davvero fantastica.

LEGGI →

Sei obeso? E' colpa del tuo cervello


Sì, è colpa del nostro cervello se siamo in sovrappeso, o meglio siamo noi che abbiamo permesso questo cambiamento. Siete diventati obesi, aspettatevi che anche la vostra mente è diventata grassa!

Una persona con un peso elevato ha innescato delle modifiche anche sul proprio cervello variando alcune sue caratteristiche.

Studi di neuroimaging su individui obesi hanno rivelato alterazioni nella ricompensa / motivazione, controllo esecutivo / autoregolazione e circuiti limbici / affettivi che sono implicati nella dipendenza da cibo e droghe. Tale via riguarda anche il famoso Shell Neuronale. Infatti nei vari sistemi neuronali coinvolti si osservano diverse alterazioni tra cui quello dell’ amigdala.Studi psicofisici mostrano maggior proprietà sensoriali di alcuni alimenti che potrebbero aumentare i valori antropometrici e neurocognitivi pro-obesità. Si sono individuate alterazioni degli organi di senso (gusto, olfatto, vista, ecc..) con maggior incidenza sul peso corporeo. Un vero e proprio cambiamento citoarchitettonico settato su un plus dell’ introito calorico. Una vera e propria trasformazione con un maggior focus per stimolare l’appetito. [1]

La maggior parte degli studi pubblicati si è concentrata sul gusto del dolce, seguito dal gusto grasso e umami. Tali studi hanno mostrato una variazione sull’introito calorico e sui condizionamenti delle sensazioni gustative verso una modificazione plastica d' attivazione cerebrale associato all'appetito.

Come è possibile osservare queste modificazioni? 

La risonanza magnetica funzionale, (RMF o fMRI Functional Magnetic Resonance Imaging), è una tecnica di imaging biomedico per valutare la funzionalità di un organo o un apparato. Con questa tecninca di imaging abbiamo maggiori informazioni rispetto a un semplice esame morfologico (ad esempio imaging metabolico, sanguigno, etc) .

Il neuroimaging è una tipologia di risonanza magnetica funzionale che analizza il metabolismo celebrale emodinamico (le variazioni di consumo di ossigeno del parenchima e dei capillari).

L’ emoglobina ha diverse caratteristiche a seconda se è o meno ossigenata. Paramagnetica in assenza di O2 e diamagnetica in presenza di O2, grazie a questa differenza è possibile utilizzare il Blood Oxygenation Level Dependent (BOLD) . la variazione dei valori di BOLD ci permettono di capire le diverse funzionalità celebrali.

Fig 1 Neuroimaging celebrale

Possiamo osservare dalla figura 1 le  diverse aree cerebrali che vengono attivate come risposte edoniche allo zucchero nell'obesità. In condizioni di obesità vengono alterate probabilmente gli stimoli e i processi degli organi sensoriali, stimolando l’ appetito. [1]


Altri studi hanno mostrato invece le risposte ai  GRASSI…

L'amigdala, nucleo neuronale responsabile della nostra sopravvivenza,  in condizioni di obesità viene attenuata dopo un pasto ricco di grassi rispetto all'assunzione di acqua.

Ciò suggerisce che la sazietà che deriva da un  pasto ricco di grassi riduce la risposta alla ricompensa del grasso. Recenti studi di neuroimaging su volontari sani hanno studiato la risposta del cervello agli stimoli grassi. Diversi studi hanno scoperto che la somministrazione orale di grasso attivava il  BOLD (sangue-ossigeno-dipendente) nella corteccia gustativa secondaria.

Tuttavia, rispetto allo zucchero, il grasso può influire in modo diverso sulle regioni di ricompensa del cervello. Ad esempio un alto contenuto di grassi, rispetto ai frappè ricchi di zuccheri, ha suscitato maggiori risposte ai GRASSI in regioni caudate e somatosensoriali, ma nessun cambiamento insulare bilaterale significativo.

Basandoci su questi risultati, sembra che il grasso o i cibi che lo contengono possono influenzare i circuiti di ricompensa del cervello in modo diverso rispetto allo zucchero. [2] [3] 

L’ aumento alterato della percezione del sale può essere un fattore di rischio o un risultato dell'obesità, poiché una percezione alterata del gusto salino è stata riportata in alcuni individui obesi da alcuni ricercatori.[4]

Dunque riducendo il nostro peso e modificando il nostro life style sicuramente possiamo ritrasformare questi sistemi neuronali invertendo la rotta verso un miglioramento neurofisiologico.

Come dico sempre: Essere in Forma E' un Dovere... E' un Impegno!

[1]Brain Imaging of Taste Perception in Obesity: a Review Christopher Kure Liu at Al Curr Nutr Rep. 2019; 8(2): 108–119.
[2]rabenhorst F, Rolls ET, Parris BA, d'Souza AA. How the brain represents the reward value of fat in the mouth. Cereb Cortex. 2010;20(5):1082–1091 
[3]Tzieropoulos H, Rytz A, Hudry J, le Coutre J. Dietary fat induces sustained reward response in the human brain without primary taste cortex discrimination. Front Hum Neurosci. 2013;7:36.
[4]Rocchini AP, Key J, Bondie D, Chico R, Moorehead C, Katch V, Martin M. The effect of weight loss on the sensitivity of blood pressure to sodium in obese adolescents. N Engl J Med. 1989;321(9):580–585.

LEGGI →

L'amore per la musica delle deejay Giolì e Assia

L'amore per la musica delle deejay Giolì e Assia. Intervista a cura di Edoardo Giacovazzo. Montaggio video a cura di Daniele Martini. #musica #intervista #giolieanna #gdpwebtv

LEGGI →

Musica nazionale ed internazionale con Stefania Di Pietro

Musica nazionale ed internazionale. Intervista a Stefania Di Pietro a cura di Edoardo Giacovazzo. Montaggio video a cura di Daniele Martini. #musica #gdpwebtv #stefaniadipietro #intervista

LEGGI →

MySalute.it al 45° Festival della Valle d'Itria

di EDOARDO GIACOVAZZO - È stata un'emozione unica vivere la prima della 45a edizione del Festival della Valle d’Itria nel Palazzo Ducale di Martina Franca.

In scena il capolavoro di Domenico Cimarosa 'Il matrimonio segreto'. Il maestro d' orchestra ha diretto divinamente l'opera. A fare da guida il direttore musicale del Festival Fabio Luisi insieme ad uno dei grandi maestri del teatro italiano, Pier Luigi Pizzi.


'Il Matrimonio Segreto' (in scena per la prima volta nel 1792) è stato rappresentato in chiave moderna. Costumi e arredi contemporanei hanno caratterizzato lo spettacolo.

Dalle immagini è possibile osservare un palco davvero ultra moderno e innovativo. Un'originale veste per uno spettacolo ideato nel 1792, ma legato alla tradizione dell' opera originale stessa.

Ascoltare la voce soave dei cantanti, la musica dell'orchestra all'interno del Palazzo Ducale di Martina Franca, è stato davvero magico. Un trait d'union incredibile che ha trasmesso al pubblico delle emozioni uniche e indimenticabili.

La grande novità è il progetto itinerante "Opera in Masseria" in cinque spazi diversi del territorio proposta dal Consorzio di tutela del Primitivo di Manduria, in collaborazione con i diversi comuni sedi delle masserie: Del Duca di Crispiano (21 luglio), Belvedere di Mottola (23 luglio), Palesi (25 luglio) e San Michele (1 agosto) a Martina Franca, Casina Vitale di Ceglie Messapica (27 luglio).

E' di sicuro un grande onore poter ospitare tanti artisti nella nostra bella Valle D'Itria, all' interno di strutture storiche stupende .

Vivere il festival della Valle d'Itria è un viaggio ricco di emozioni, musica e cultura immerso nei colori white & grey di trulli, masserie e palazzi. Come ogni anno ci sono tanti ospiti e artisti nazionali e internazionali che onorano questo famoso festival pugliese.
Tutti i biglietti sono acquistabili via internet a questo link:
 https://www.festivaldellavalleditria.it/biglietteria

Oppure è possibile acquistarli direttamente in biglietteria in Piazza Roma a Martina Franca.






LEGGI →

Turismo e mare in Puglia: Castellaneta Marina


Turismo e mare in Puglia: Castellaneta Marina (Ta). A cura di Edoardo Giacovazzo. Montaggio video a cura di Daniele Martini. #castellanetamarina #puglia #turismo #mare #gdpwebtv
LEGGI →

Chirurgia estetica: intervista al dott.Giuseppe Rubino


di EDOARDO GIACOVAZZO - La Puglia è ormai diventata una famosa meta turistica, d’innovazione e ricerca. Anche se molti pugliesi migrano fuori regione per proseguire studi e  nuove prospettive lavorative future, la nostalgia e la voglia di tornare è sempre fortissima. Tornare in Puglia è un forte desiderio che non tramonta mai, anzi aumenta la consapevolezza del rientro. Non solo per la famiglia, il clima e gli amici, ma per il riscatto. La voglia di investire nella propria terra natia e portare innovazione è alla base di questa emozione. 

Questo è il caso del dott.Giuseppe Rubino che, come tanti pugliesi, decide di creare qualcosa di nuovo nella sua città d’origine. Dal febbraio 2008 è dirigente medico di I livello presso il reparto di Chirurgia Maxillo facciale II dell’Istituto Galeazzi di Milano. Attualmente segue e svolge come primo operatore attività di Chirurgia malformativa, ortognatica, pre protesica avanzata, estetica del volto oltre che seguire l’attività di chirurgia traumatologica stradale. 

Tra i suoi progetti c’è la Puglia, attraverso la creazione di una realtà moderna di chirurgia estetica a Bari. Giornale di Puglia ha avuto il piacere di intervistarlo.
LEGGI →

Editoriale

GLUTAMMINA: ANTIFATICA E IMMUNOSTIMOLANTE

La glutammina è un amminoacido essenziale ampiamente utilizzato nella nutrizione sportiva, soprattutto per il suo ruolo immunomodulato...